Capocollo e Fornello

Continua la serie di iniziative rivolte a chi è desideroso conoscere le eccellenze enogastronomiche presenti nel territorio italiano. Dopo il bel viaggio nelle Marche/Abruzzo e la bella domenica passata nella azienda Tre Pini insieme a Rocco Plantamura e ai suoi meravigliosi vini, eccoci ad approfondire la conoscenza di una eccellenza norcina pugliese direttamente, come nostro… Continua a leggere Capocollo e Fornello

Il 2016 insieme alla Condotta

La Condotta Slow Food di Bari, nell’anno 2016, ha messo a segno una serie di interessanti ed importanti iniziative, non solo sotto il profilo strettamente amministrativo e gestionale, ma anche sotto quello conviviale e sociale.  COMITATI DI CONDOTTA I Comitati di condotta hanno avuto ad oggetto temi tesi principalmente a divulgare la filosofia del buono,… Continua a leggere Il 2016 insieme alla Condotta

SLOW FOOD DAY 2017 La condotta di BARI celebra il .. suo … “SLOW FOOD DAY”

Percorsi emozionali fra vini, cibo e territori Quest’anno la Condotta di Bari intende promuovere la festa di Slow Food con una serie itinerante di eventi che ha come obbiettivo quello di esplorare, promuovere e allietare offrendo percorsi emozionali incrociando arte, cinema, cibo, vino e territorio. 1° giorno – 7 aprile 2017  Un Amore di-VINO (Bitonto)… Continua a leggere SLOW FOOD DAY 2017 La condotta di BARI celebra il .. suo … “SLOW FOOD DAY”

Terra Madre Day 2016

Dal 2009, il Terra Madre Day è un’opportunità per l’intera rete Slow Food di celebrare il cibo locale e promuovere la produzione e il consumo sostenibili. Il Terra Madre Day è uno degli eventi collettivi più importanti mai organizzati su scala globale per festeggiare il cibo locale. Ogni edizione coinvolge centinaia di migliaia di persone… Continua a leggere Terra Madre Day 2016

MASTER OF FOOD VINO

Il corso sul vino promuove un nuovo approccio per avvicinare al vino un pubblico sempre più ampio, concentrando una maggiore attenzione al concetto del “buono, pulito e giusto”, nella direzione di una “geosensorialità” in cui alla piacevolezza organolettica si coniuga la sostenibilità ambientale e “quel rapporto virtuoso del vignaiolo con il proprio territorio” (dalla guida Slow Wine 2014).